Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Trieste, Palazzo di giustizia, Enrico Nordio, 1912-1926

 
 Progetto del Palazzo di Giustizia di Trieste eseguito dall\'architetto Enrico Nordio. Prospetto sulla via Cotroneo, 1912-1926

Progetto del Palazzo di Giustizia di Trieste eseguito dall'architetto Enrico Nordio. Prospetto sulla via Cotroneo, 1912-1926

 
 

Autore: Enrico Nordio

Il progetto di un imponente e scenografico Palazzo di giustizia, concepito quasi come un edificio del Ring viennese, viene redatto dall'architetto A. Spinnler, della direzione edile dei Palazzi di giustizia di Marburg, mentre i bozzetti e i disegni per la realizzazione delle facciate vengono elaborati da Enrico Nordio. I lavori, iniziati alla fine del 1912, vengono interrotti dallo scoppio della Prima guerra mondiale e riprendono alla fine del conflitto, nel 1919, in un contesto socio-politico profondamente mutato. Il Regio governatorato della Venezia Giulia infatti, organo militare con poteri civili e prima espressione del Governo nazionale, mette in discussione il progetto originario per la tendenza a uno stile architettonico non aderente al gusto artistico italiano. Viene così bandito un concorso per rielaborare la parte architettonica dell'edificio, facciate, elementi decorativi, ambienti interni e scaloni, a cui partecipano Ruggero e Arduino Berlam, Ludovico Braidotti ed Enrico Nordio, che risulta vincitore. Il suo progetto non si discosta troppo dall'impianto originario poiché i lavori di costruzione erano giunti a uno stato di avanzamento tale da sconsigliarne la demolizione, sia per i costi eccessivi, sia per l'urgenza nella conclusione dei lavori. Nel 1924 la Giunta municipale, per accelerarne il compimento, stralcia dal progetto la componente decorativa, il rivestimento delle facciate e le statue sul cornicione del piano attico, che verrà aggiunta solo dopo l'inaugurazione del palazzo.
L'edificio occupa un intero isolato e si sviluppa su quattro livelli; l'affaccio principale, prospiciente l'attuale Foro Ulpiano, è leggermente aggettante e presenta colonne decorative in pietra bianca che sostengono il coronamento del palazzo.
 

 
Archivio del progetto
Trieste, Archivio generale del Comune, Ufficio tecnico, disegni 10701/1-2; 10710.

Trieste, Istituto statale d'arte "Enrico e Umberto Nordio", Nordio.

Bibliografia

Trieste 1872-1917. Guida all'architettura, a cura di F. Rovello, Trieste, MGS Press, 2007, pp. 333-338.