Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Avezzano e Trasacco (AQ), Borghi e insediamenti rurali e residenziali, Marcello Vittorini, 1952-1955

 
 Borgo residenziale a via Nuova ad Avezzano progettato da Marcello Vittorini, 1952-1955

Borgo residenziale a via Nuova ad Avezzano progettato da Marcello Vittorini, 1952-1955

 
 

Autore: Marcello Vittorini

Una serie di insediamenti rurali, piccoli centri di aggregazione composti intorno a borghi di servizio che comprendevano residenze e servizi pubblici, previsti in seguito all'opera di bonifica che comportò il prosciugamento del lago del Fucino.
Nel 1952 progetta la trasformazione fondiaria dei terreni di Caruscino e la costruzione del villaggio del Bracciante nei pressi della frazione di San Pelino ad Avezzano, dove segue il criterio delle “unità di vicinato”. Dal 1954 al 1956 Vittorini è a capo del Servizio opere edilizie dell'Ente per la valorizzazione del territorio del Fucino, cui è affidato il compito di completare la riforma fondiaria. Concepisce quindi altri tre insediamenti, collocati nella zona ovest della piana: nel 1954 il Borgo residenziale a ridosso del paese ripuario di Trasacco; nel 1955 il completamento di Borgo Ottomila (borgo di servizio progettato dall'architetto Carlo Boccianti), cui aggiunge la parte residenziale, e borgo a via Nuova per cui disegna l'intero insediamento con gli edifici pubblici e i fabbricati residenziali.
I modelli progettuali proposti per i nuovi insediamenti, in contrasto con le norme ministeriali allora vigenti che prevedevano insediamenti sparsi, sono del tipo accentrato. Pensati per la vita associata della comunità, sono formati da un nucleo centrale di edifici pubblici a carattere sociale, commerciale e culturale e un nucleo residenziale creato dalla ripetizione di un unico tipo edilizio. Il tessuto abitativo compatto in alcune zone si apre in ambienti di incontro e di sosta, spazi necessari per la vita associata della comunità.
Sono insediamenti unitari da un punto di vista urbano, edilizio e costruttivo, caratterizzati dalla coesione tra disegno urbano e architettura. Contraddistinti da caratteri specifici e da una propria identità contengono la memoria storica delle condizioni abitative locali rispondendo al contempo alla condizione rurale moderna in linea con le ricerche teoriche e le esperienze progettuali della cultura architettonica italiana del dopoguerra.
 

 

Archivio del progetto
Archivio "Marcello Vittorini" (1927-2011), dipartimento di Architettura e Urbanistica, facoltà di Ingegneria, università dell'Aquila.
Contiene: originali, copie, lastre fotografiche e foto b/n degli elaborati grafici dei progetti architettonici ed esecutivi; foto b/n dei cantieri e delle opere realizzate; articoli, rassegna stampa e testi a stampa riguardanti il Fucino.

Bibliografia
M. Vittorini, Borgo Ottomila (zona del Fucino), in «Architettura cantiere», 1958, 17.
M. Vittorini, La Marsica, ambiente in evoluzione, in «Nuove esperienze urbanistiche in Italia», Istituto nazionale di urbanistica, 1956.
M. Vittorini, Il prosciugamento del Fucino. Evoluzione del tessuto insediativo e della organizzazione del territorio, in Fucino cento anni: 1877-1977, Atti del convegno, L'Aquila, s.d. (1977). 
D. Lama, Cemento Romano, Napoli, Clean, 2010.
Città nascenti. I borghi del Fucino, Archivio Vittorinia cura di A. Marino e G. Tamburini, Roma, Gangemi, 2010.