Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Mazzorbo (VE), Quartiere Iacp, Giancarlo De Carlo, 1980-1997

 
 Disegno degli alloggi C1, edificati dall\'Istituto autonomo case popolari, con planimetria, pianta del piano terra e prospetti.

Disegno degli alloggi C1, edificati dall'Istituto autonomo case popolari, con planimetria, pianta del piano terra e prospetti.

 
 

Autore: Giancarlo De Carlo
Collaboratori: Alberto Cecchetto, Paolo Marotto, Etra Connie Occhialini, Daniele Pini, Renato Trotta

L'area prescelta per l'inserimento del nuovo quartiere pubblico si trova a circa 10 km da Venezia, nella Laguna veneta, e precisamente sull'isola di Mazzorbo, collegata da un lungo ponte di legno pedonale alla più conosciuta isola di Burano.
Rientra nel piano Peep Burano-Mazzorbo del Comune di Venezia, finalizzato a ripopolare l'isola e prevede zone di residenza, servizi, verde attrezzato e non.
De Carlo interviene con un doppio incarico; per il Comune di Venezia attua la realizzazione del progetto planivolumetrico dell'area, per lo Iacp l'edificazione di 36 alloggi. La particolare delicatezza e singolarità dell'ambiente lagunare richiedono all'architetto specifici studi preliminari sull'inserimento paesistico e sulla cultura dell'abitare tipica degli isolani, che culminano nei due aspetti più rilevanti della progettazione: ricerca dell'integrazione dei percorsi di terra e acqua e sviluppo delle tipologie di alloggi, distinte in nuclei "mazzorbini" e "buranelli" a seconda della provenienza e delle esigenze degli abitanti.
Al primo lotto residenziale di 36 alloggi, già costruiti e commissionati dallo Iacp, avrebbe dovuto seguire un intervento 4 volte più esteso, poi invece molto ridimensionato e ridotto ad altri 15 gli alloggi Iacp, con riqualificazione del campo sportivo e una nuova palestra dotata di tribune (variante Peep). La
complessa articolazione volumetrica ricercata per ogni unità abitativa, sottolineata da un efficace cromatismo mutuato dall'isola di Burano, rende l'insediamento residenziale nuovo per il linguaggio moderno con cui è realizzato, ma perfettamente inserito nel delicato equilibrio naturale di terra, acqua e cielo, spazi tradizionali e caratteristici dell'ambiente laguna.

 

Archivio del progetto
Fondo Giancarlo De Carlo (1950-2003), Archivio Progetti, Università Iuav di Venezia, Nuovo villaggio Matteotti. Terni, pro/054: il progetto contiene 393 disegni, 11 fascicoli di documentazione con corrispondenza, relazioni tecniche, appunti, opuscoli, rassegna stampa, testi e fotocopie.
Fondo Giorgio Casali (1947-1995), Archivio Progetti, Università Iuav di Venezia: contiene documentazione fotografica del progetto, tra cui 191 negativi, 69 diapositive e 34 positivi di disegni, modelli e opere realizzate. 
 

Bibliografia
Giancarlo De Carlo. Inventario analitico dell'archivio - Archivio Progetti, a cura di F. Samassa, Padova, Il Poligrafo, 2004.
Giancarlo De Carlo. Le ragioni dell'architettura, a cura di M. Guccione e A. Vittorini, Milano, Electa, [2005].
Giancarlo De Carlo: immagini e frammenti, con contributi di M. De Michelis e S. Boeri, a cura di A. Mioni e E. C. Occhialini, Milano, Electa, 1995.