Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Messina, Palazzata, Giuseppe Samonà, 1929-1958

 
 Veduta generale del Palazzo dell\'INPS posto nell\'isolato IX progettato da Giuseppe Samona\', Camillo Autore, Raffele Leone, Giulio Viola, Messina 1929-1958

Veduta generale del Palazzo dell'INPS posto nell'isolato IX progettato da Giuseppe Samona', Camillo Autore, Raffele Leone, Giulio Viola, Messina 1929-1958

 
 

Autori: Giuseppe Samonà, Camillo Autore, Raffaele Leone, Giulio Viola

Sorta sulle rovine di antichi edifici settecenteschi distrutti dal terremoto del 1908, la costruzione della Palazzata di Messina risulta "condizionata" fin dall'origine dalle limitazioni imposte dal bando di concorso del 1929 che imponeva di realizzare dei volumi staccati invece della preesistente cortina edilizia. Giuseppe Samonà, vincitore del concorso con Camillo Autore, Raffaele Leone, Giulio Viola, progetta undici edifici allineati sul fronte del porto tra corso Vittorio Emanuele e corso Garibaldi. La costruzione della Palazzata, durata ben trent'anni, ha visto impegnati, prima della guerra, Giuseppe Samonà e l'ingegnere Giulio Viola nella realizzazione della Casa del Popolo (isolato VII) e del Palazzo Inail (isolato VIII) mentre la sede dell'Ina (I e II isolato) e il Banco di Sicilia (III isolato) sono rispettivamente di Giulio Viola e di Camillo Autore. Tra i lavori condotti personalmente da Samonà, dopo il 1945, si distingue la realizzazione della sede dell'Inps (isolato IX). Le lunghe facciate del palazzo sono modellate da davanzali aggettanti e da cornici delle finestre realizzati con pannelli di cemento prefabbricati scalfiti a scalpello. La scansione orizzontale e verticale della struttura – scrive nel 1959 Francesco Tentori in un suo saggio – anziché portare a una scomposizione cellulare dei fronti in serie di pannelli di riempimento più o meno ben impaginati, è l'elemento basilare della riunificazione.

Nel 1952, durante la realizzazione degli ultimi sei edifici, Giuseppe Samonà è richiamato a Messina in qualità di consulente per le facciate della Palazzata. L'intervento, risultato più incisivo rispetto ai presupposti, ha il pregio di aver dato all'opera una continuità figurativa difficile da raggiungere in un lavoro così articolato e di lunga durata.
 

Archivio del progetto
Archivio Progetti Iuav, fondo Giuseppe e Alberto Samonà: contiene il progetto esecutivo datato 1955-1957 della sede dell'Inps composto da 10 tavole e numerose copie eliografiche delle tavole di progetto della Palazzata relative agli isolati IV, VI e IX. Venti negativi con riproduzioni del progetto di concorso, vedute degli isolati realizzati e riproduzioni di disegni.

Archivio Progetti Iuav, fondo Egle Renata Trincanato: contiene 9 disegni del progetto per la sede dell'Inps e di edifici residenziale nell'isolato IV e VI.

Bibliografia
Giuseppe e Alberto Samonà 1923-1993: inventario analitico dei fondi documentari conservati presso l'Archivio Progetti, a cura di G. Cortese, T. Corvino e I. Kim, Padova, Il Poligrafo, 2002.
F. Tentori, Giuseppe Samonà e la Palazzata di Messina: dal concorso alla Realizzazione: 1929-1958, in «Casabella-Continuità», 1959, 227.